I GENERI

TOP TEN

Anch’io, come ogni scrittore, ho le mie preferenze. Ovvero quei titoli che mi hanno dato più soddisfazioni e che ritengo meglio riusciti. Della mia personalissima Top Ten ho finora pubblicato solo tre titoli, ben sette sono ancora inediti. Uno, Il giocattolaio, con l’editore Fazi, gli altri due qui in Illusion. Fuori per un pelo, all’undicesima posizione, il bizzarro Diavoli dall’inferno.


THRILLER

Dei thriller fanno parte Il Giocattolaio e La mia favola, che ho già inserito nella Top Ten, quindi tralascio di metterli anche qui. Thriller sono anche tre dei migliori romanzi ancora inediti, nonché il secondo romanzo pubblicato con l’editore Fazi, Figli che odiano le madri. Queste sono le altre pubblicazioni migliori.


GIALLO

Una categoria a parte dal thriller sono i gialli, ovvero quei libri in cui la scoperta dell’assassino diventa il fulcro della storia. Anche in titoli come Il giocattolaio e Cam ha grande importanza, ma non ne sono l’anima. In questi titoli sì.


HORROR

Molto spesso le mie storie sfociano nell’horror, anche se non si possono ascrivere in questo genere. È il caso de La mia favola e L’intervista, per esempio. Ma anche Diavoli dall’inferno e Spirito verde. Nonché quasi tutte le novelle. Questa è anche la lista più nutrita.


FANTASY

Di fantasy classico ho scritto solo le Cronache di Awan, composte per ora dal primo volume, cui ne seguiranno altri sei. Anche le Cronache di Rys, iniziate con Il canto di Lia, sono in parte fantasy, e romanzi come Spirito verde e Circe.


FAIRY TALES

Categoria a parte per questa diramazione del fantasy. Storie fantastiche per ogni età, comprende tre romanzi che ho anche riunito nell’omonimo omnibus.


FANTASCIENZA

In tante storie è presente una componente fantascientifica, soprattutto nelle novelle (come Le porte del silenzio, Luce, Eroe, ecc.), ma sono pochi i titoli che si possono ascrivere a pieno merito in questa categoria.


FANTASTICO

Il fantastico come lo intendo io vede riuniti elementi fantasy e horror, e molto spesso anche di fantascienza, su una base avventurosa-thriller. Ne sono chiaro esempio libri come La porta sul nullaFreaks o Spirito verde. Buona parte della mia produzione ne fa parte. Quelli che propongo sono i titoli che più difficilmente potrebbero essere inseriti in altri generi.


EROS

Libri erotici non ne ho mai scritti. Ci sono però storie che hanno nel sesso la loro componente essenziale. Circe, è ovvio, ma anche la trilogia di Mira Vacek, poiché il sesso è l’unica arma della protagonista, almeno nei primi due volumi. Inserisco anche Hardcore, benché vi siano poche e specifiche scene ascrivibili al genere, ma i personaggi usano spesso un linguaggio esplicito. Stesso linguaggio che si può trovare anche in Diavoli dall’inferno.


AZIONE

In certi titoli l’azione è essenziale, direi primaria, al di là del genere in cui sono inseriti. In titoli come L-Boy e Finestre l’azione è il fulcro, anche se ho preferito inserirli in altri generi.


AVVENTURA

Quello che considero il mio miglior libro di avventura non è ancora stato pubblicato, ma ci sono altri titoli che hanno nell’avventura la loro componente principale. Tra questi anche Ghiaccio sottile e Hardcore (che si fingono thriller ma non lo sono veramente).


SENTIMENTI

In quasi tutti i miei libri i sentimenti hanno un ruolo importante. Titoli come Lacrime e pizzi e Freaks (horror), Fratelli nel sangue (thriller), Finestre (fantascienza), Hardcore e Lady Ashley (azione). Ma ci sono titoli in cui sono i protagonisti.


DRAMMATICO

Alcune storie non sono ascrivibili a nessun altro genere. Anche se parlano di drammi familiari hanno uno stile avventuroso e le sorprese non mancano.


BIZARRE

Categoria a parte il bizzarro. Storie fantastiche con qualcosa in più. Senza freni, senza limiti. Diavoli dall’inferno ne è l’esponente più rilevante.


CREATURE

Per concludere un genere molto particolare, mio cavallo di battaglia. Sono molte le creature che popolano i miei libri. Creature sconosciute, forse aliene, micidiali e meravigliose. Sono presenti in quasi tutte le mie novelle, poi raccolte nei tre volumi omonimi), ma non solo.